Così la mafia sfida in piazza gli onesti. La Stampa 08.06.2014 [In Italian]

L'articolo che segue racconta del mio viaggio a Palermo in occasione delle commemorazioni per la strage di Capaci e in particolare di come le imprese confiscate alla mafia cercano di sopravvivere.

---------------------

Così la mafia sfida in piazza gli onesti

Palermo ha ricordato di recente l’anniversario della strage di Capaci. Ma oltre l’apparenza, istituzioni e società civile sono profondamente spaccate. Nel frattempo, la mafia festeggia, come ho avuto modo di vedere con i miei occhi.

La lotta alla mafia attraversa una fase burrascosa. Lo scontro più violento è tra i pm che hanno istruito il processo sulla trattativa stato-mafia e chi solleva dubbi sull’impianto accusatorio. Magistrati contro professori, amici e collaboratori di Falcone contro il Presidente della Regione. Mentre il 23 maggio attracca la nave della legalità in arrivo da Civitavecchia, con a bordo mille e cinquecento ragazzi, e nel pomeriggio si tiene una cerimonia nell’aula bunker dell’Ucciardone, il fratello di Francesca Morvillo dichiara: “Credo che questa sia la solita passerella”. Don Luigi Ciotti avverte il disagio e propone di smettere di usare del tutto la parola “anti-mafia”, oggi snaturata ed inservibile, ormai solo un’etichetta politically correct.

Quella stessa mattina di maggio l’autotrasportatore di un noto grossista palermitano fa il giro dei clienti. Come al solito, deve rifornire una decina di piccoli negozi della città siciliana. Arrivato presso uno di questi, si appresta a scaricare la merce, ma il titolare lo informa che quel giorno non si lavora. Perplesso, il rifornitore si sente dire, in dialetto stretto: ‘Cugino, oggi facciamo festa: la festa di Capaci’ (Cuscì, oggi facemo festa: a festa di Capaci). Mentre una parte d’Italia ricorda i suoi morti e si divide in feroci polemiche, un’altra festeggia il massacro di Falcone, della moglie Francesca Morvillo e degli agenti Schifani, Dicillo e Montinaro. Questa è l’Italia.

Io la mattina del 23 maggio mi trovo nell’azienda per cui lavora quell’autotrasportatore, in una piazzetta a pochi passi da un mercato nel cuore della Palermo popolare e suggestiva, che piace ai turisti in cerca di colore locale. Diversi posteggiatori abusivi stazionano nella piazza, pretendendo un obolo per un servizio che nessuno chiede loro. Un pò di macchine sono parcheggiate proprio difronte all’ingresso dell’azienda, segno che essa non gode di grande simpatia nella zona. La ragione è semplice: l’esercizio commerciale è stato sequestrato dalla Dia di recente. Il titolare, arrestato per tentato omicidio, è—secondo l’accusa—un referente di Cosa Nostra, un evasore fiscale che riceve illegalmente contributi europei e ruba le merci ai concorrenti. Gestisce un impero di decine di milioni di euro, fatto di case, ristoranti, mezzi e imprese. Ma cosa succede a questi beni una volta che sono stati confiscati? Queste domanda è cruciale, se vogliamo sconfiggere l’illegalità e far rinascere un’economia pulita. Mentre parlo col giovane manager e con i due dipendenti che sono subentrati alla vecchia amministrazione, cala un silenzio di tomba. Nel negozio entra un giovane. Cosa vuole?

Dovete sapere che una strategia vessatoria di Cosa Nostra consiste nell’aprire un esercizio clone nelle immediate vicinanze del negozio sequestrato. Nel nostro caso, è dall’altra parte della piazza, una azienda fotocopia con logo e insegne identici. Ovviamente vende la stessa merce. Quel signore che finge di voler acquistare quello che lui stesso commercia e mi guarda di traverso, è qui per mandare un messaggio: ‘Potete sequestrare quello che volete, ma noi riapriamo la stessa azienda sotto i vostri occhi, vi rubiamo i clienti, parcheggiamo abusivamente davanti alle vostre vetrine, e siamo qui per intimidire i vostri ospiti’. Insomma, I padroni siamo sempre noi, sembra volermi dire. In questa piccola piazza, mafia e antimafia quotidiana si guardano negli occhi tutti i giorni. L’Organizzazione non accetta che imprenditori onesti gestiscano i ‘suoi’ beni. Il giovane manager mi racconta dell’ingente furto che ha subìto di recente. Un dipendente aggiunge che tutti i giorni, quando si appresta ad aprire il negozio, cadono decine di monetine conficcate nottetempo negli interstizi della saracinesca. Ecco un altro messaggio chiarissimo per chi si intende di ermeneutica criminale: ‘Te li diamo noi gli spiccioli, ma smetti di lavorare per gli sbirri’.

Possiamo imparare molte cose dalla tenacia di chi, tutti i giorni, tiene aperti gli esercizi confiscati alla mafia. Innanzi tutto non è vero che l’amministrazione pubblica dei beni confiscati porti inesorabilmente al fallimento. Ma l’obiettivo è uscire  dall’emergenza: non è pensabile che gran parte dell’economia dell’isola sia amministrata da un tribunale. Inoltre non è vero che ‘mafia uguale lavoro’. Nelle aziende sotto il controllo della criminalità organizzata in Sicilia i lavoratori non hanno diritti e molto spesso la busta paga viene decurtata dai manager collusi. Un dipendente rivela: “La nuova amministrazione ci lascia tutto.”

Quando mi appresto a risalire in macchina mi accorgo che l’uomo che era entrato nel negozio è ora piantato in mezzo alla piazza e mi sta fotografando col cellulare. Mentre mi giro per salutare l’amministratore e i due dipendenti penso che alzare tutti i giorni quella saracinesca sia un atto quotidiano di rivolta che sarebbe piaciuto ad Albert Camus. Come ebbe a scrivere il grande scrittore francese, “fu nel pieno dell’inverno che ho scoperto dentro di me un’estate che non si dà per vinta”.

--------------------

[FV: sono grato a chi mi ha accompagnato in questo viaggio e a chi ha letto una versione di questo articolo, dandomi utili suggerimenti.]

"Un'analisi profonda"

Roberto Saviano, Repubblica

Visit me on Facebook Follow me on Twitter Subscribe to Syndicate