LA MANO VISIBILE DELL’IMPRESA CRIMINALE. Recensione. Il Mulino, 28.12.2021

«Si potrebbe scrivere un libro sugli usi e abusi fatti del termine zona grigia; probabilmente si scoprirebbe che nessuna espressione ha avuto tanta fortuna ed è stata tanto travisata», ha scritto nel 2011 la storica torinese Anna Bravo, amica e studiosa di Primo Levi, scomparsa nel 2019. Questo libro forse non è stato ancora scritto, ma un capitolo significativo lo si deve a Maurizio Catino, professore di Sociologia delle organizzazioni all’Università di Milano-Bicocca. In un importante e originale volume, Le organizzazioni mafiose. La mano visibile dell’impresa criminale (Il Mulino, in inglese presso Cambridge University Press), Catino ricorda al lettore come l’espressione «la zona grigia» serva solo a confondere, piuttosto che a capire, il rapporto tra le organizzazioni mafiose e coloro che operano all’esterno, come professionisti, imprenditori, politici e funzionari pubblici.

Continua qui.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s